Piccola Bottega Baltazar

ladro di rose

azzurra music 2010

La Piccola Bottega Baltazar racconta storie legate all’attualità, tra fabbriche, orti ed ecomostri. Accostando all’originaria matrice folk generi musicali contemporanei e mescolando dialetto e italiano tratteggia un combattuto e sincero amore per la propria terra.

Produzione artistica di Carlo Carcano


mare-chiuso-quad

mare chiuso

Colonna sonora dell’ omonimo film di Stefano Liberti e Andrea Segre.
Scaricabile gratuitamente .


sospesi sul filo, piccola bottega baltazar e coro del pontile

SOSPESI SUL FILO

Concerto per strumenti acustici e voci di esseri umani.
Piccola Bottega Baltazar + Coro del Pontile

EP Live – scaricabile gratuitamente


radici

azzurra music 2011

(Canzoniere veneto contemporaneo)

Dodici brani in dialetto e in italiano che dipingono il Veneto e le sue più marcate contraddizioni, selezionati dalla oramai decennale produzione della Piccola Bottega Baltazar.

A completare il lavoro,  un brano inedito intitolato “Cercando un paese”, un invito (ancora una volta in dialetto) a non smettere mai di cercare, anche là dove tutto sembra chiaro e immutabile. Inoltre la versione Live di “A Foghi spenti registrata nel settembre scorso al Centro Culturale Candiani di Mestre (con ospite Riccardo Marogna dei Bube Supravie) e il remix di “Lentiggini, in cui Giorgio duetta con la voce di Donata Marin e l’extra track “La Marieta” scaricabile solo via web.

“Radici”, curato nella grafica da BeccoGiallo Editore e prodotto da Azzurra Music, è uscito in tutte le edicole della province di Padova, Treviso, Venezia, Vicenza, Verona e Mantova in allegato ai quotidiani locali  (il Mattino, la Tribuna, la Nuova Venezia, il Giornale di Vicenza, L’Arena)  nella primavera 2011.


il disco dei miracoli

azzurra music 2007

Finalista P.I.M.I. Premio italiano musica indipendente 2007

Il disco dei miracoli è ispirato ad alcune tavolette ex voto che abbiamo ritrovato la scorsa estate visitando un tempietto dedicato a Santa Rita da Cascia ai piedi del Col Visentin, non lontano da Belluno. Nonostante le storie e i personaggi possano apparire alquanto verosimili, dopo opportune verifiche, abbiamo appurato che gli avvenimenti miracolosi descritti sono il frutto di menti particolarmente fantasiose e nulla di quanto narrato corrisponde alla realtà dei fatti. Con lo scopo di raccogliere nuovo materiale, siamo più recentemente tornati tra quei monti senza tuttavia riuscire a raggiungere la meta del nostro viaggio. Interrogati a tal proposito, alcuni abitanti della zona ci hanno fornito indicazioni poco precise: chi dice il rustico santuario non esista più, chi dice non ci sia mai stato. Agli ascoltatori un’avvertenza: consigliamo di non cercare i nomi delle persone edi luoghi citati perchè non esistono, noi lo sappiamo, li abbiamo conosciuti.


b-ali

l’allegorie de la statue

disco autoprodotto 2005

Lavoro conclusivo del Laboratorio di Teatro Integrato condotto a Padova, dal 24 settembre all’1 ottobre 2005, da Patrice Guillaumet del Petit Theatre d’Ernest di Metz.
scaricabile gratuitamente